Category: Sigaretta Elettronica

Come usare la sigaretta elettronica

Calcola quanto puoi risparmiare con la sigaretta elettronica

Puoi risparmiare migliaia di euro l'anno... Clicca subito qui !!!

Informazioni sulla sigaretta elettronica

La Sigaretta Elettronica si differenzia dalla sigaretta tradizionale perchè non si basa sul principio della combustione, ma fonda il suo funzionamento su una serie di circuiti elettronici alimentati da una batteria interna.

La Sigaretta Elettronica è formata da un filtro che contiene acqua distillata ed aromi, un atomizzatore e la sigaretta.
Sull’estremità della sigaretta vi è un diodo elettronico che si illumina durante l’aspirazione.

Quando si aspira si chiude il contatto e viene generata aria calda che, con l’acqua distillata, genera vapore che sembra il fumo di una normale sigaretta.
Il fumatore quindi ha la sensazione di fumare, ma non aspira le sostanze cancerogene delle sigarette tradizionali e non assimila nicotina. NON NUOCE ALLA SALUTE

Per utilizzare la sigaretta elettronica è necessario che la batteria all’interno sia carica e che sia stato correttamente posizionato il filtro nell’aroma desiderato. Sono disponibili sul mercato diversi aromi a seconda del produttore, ma è facile trovare aromi al cioccolato, alla menta, etc… Posizionato il filtro sarà quindi sufficiente avvicinare la sigaretta elettronica alla bocca e aspirare come con una sigaretta tradizionale. Un filtro ha la durata approssimativa equivalente a 15 sigarette tradizionali e va sostituito quando si esaurisce per continuare ad utilizzare la sigaretta elettronica.

Se la batteria è carica all’estremità si illumina una luce led (che ne indica il funzionamento). Bisogna tenere presente che circa 16-20 inalazioni di una sigaretta elettronica corrispondono a fumare una sigaretta tradizionale e che un filtro di ricarica corrisponde all’equivalente di circa 15 sigarette tradizionali. Appena si smette di fumare la sigaretta elettronica va in stand-by. E’ bene avere sempre con sé almeno una batteria supplementare carica e pronta per l’uso in modo tale che, una volta che si scarica la prima batteria, è possibile azionare la seconda.


Scrivi nel box il nome del prodotto che vuoi acquistare (sigarette elettroniche, liquidi, accessori o qualunque altro articolo) e clicca su "trova sconti" per comprarlo al prezzo più basso del web!

Vuoi risparmiare con le sigarette elettroniche?

Clicca subito qui !!!

Come si deve fumare la sigaretta elettronica

Calcola quanto puoi risparmiare con la sigaretta elettronica

Puoi risparmiare migliaia di euro l'anno... Clicca subito qui !!!

come-si-fuma

Il modo di fumare la sigaretta elettronica è diverso dal modo di fumare una sigaretta tradizionale.

Mentre nella sigaretta tradizionale si effettuano tiri secchi e decisi, la sigaretta elettronica si tira lentamente e dolcemente, in maniera costante, per la durata di 3 o 4 secondi.

La nostre sigarette elettroniche dispongono di un sistema di protezione che blocca la batteria quando il tiro dura più di un certo numero di secondi.

Questo serve a proteggere l’atomizzatore da eventuali surriscaldamenti e bruciature, il tempo massimo di tiraggio varia, a seconda dei modelli da 5 a 15 secondi.

Tante nuove fragranze tra cui scegliere evitando i soliti problemi di alito cattivo, fastidioso odore lasciato sui vestiti, mani e dita ingiallite.

Scegli tu quanto prolungare il piacere, certe volte basta un tiro e il costo di un kit viene ammortizzato in pochissimo tempo.


Scrivi nel box il nome del prodotto che vuoi acquistare (sigarette elettroniche, liquidi, accessori o qualunque altro articolo) e clicca su "trova sconti" per comprarlo al prezzo più basso del web!

Vuoi risparmiare con le sigarette elettroniche?

Clicca subito qui !!!

Sigarette elettroniche certificate funzionamento e prezzo

Calcola quanto puoi risparmiare con la sigaretta elettronica

Puoi risparmiare migliaia di euro l'anno... Clicca subito qui !!!

La sigaretta elettronica (e-cigarette) è un dispositivo elettronico dotato di un atomizzatore e di una batteria ricaricabile che consente di inalare vapore di una soluzione di glicole propilenico, glicerolo vegetale, e nicotina (in quantità variabile o anche assente) e aromi alimentari. Il vapore inalato consente di provare un sapore e una sensazione simile a quella provata inalando il fumo di tabacco di una tradizionale sigaretta. Non essendovi combustione, però, non v’è alcun rischio cancerogeno legato a tale processo. Il fumo elettronico offre un’alternativa ai fumatori, rimuovendo la combustione, ovvero il processo distruttivo ottenuto ad alte temperature, responsabile dell’alterazione irreversibile dei componenti costituenti la sigaretta tradizionale.

Come funziona la sigaretta elettronica?

La batteria fornisce energia all’atomizzatore. L’atomizzatore scalda il liquido che è contenuto nella cartuccia e lo vaporizza finendo nella bocca del fumatore tramite l’inalatore posto sopra l’atomizzatore.
La sigaretta elettronica (detta anche sigaretta a vapore) quindi non brucia e non si consuma, non contiene catrame né tabacco.

 

Perché funziona la sigaretta elettronica?

La sigaretta elettronica funziona perché riproduce le sensazione di una sigaretta tradizionale, vale a dire il colpo in gola, il gusto, il fumo, la nicotina (che può essere presente o meno), ma senza combustione. La sigaretta elettronica è anche detta “vaporizzatore” perché vaporizza il liquido, composto da glicole propilenico e glicerina vegetale, entrambi innocui e utilizzati da tempo nell’industria alimentare e cosmetica. Il fumatore quindi ha una sigaretta che si comporta come una “tradizionale” ma non fa male, fa risparmiare, non ingiallisce i denti, non fa puzzare ambienti e vestiti e soprattutto non è cancerogena. 

Perchè comprare una sigaretta elettronica?

Vi siete mai chiesti cosa contiene una sigaretta non elettronica?

Oltre al tabacco ci sono 4000 sostanze diverse che vengono aspirate durante il consumo di una sigaretta.

Tra cui: Nicotina, Acetone, Ammoniaca, Arsenico, Formaldeide, Metalli pesanti, Miele e Cacao, Monossido di carbonio, Naftalene, Catrame.

Molte di queste sostanze sono cancerogene e possono essere causa di malattie gravi.

 

Quanto costa la sigaretta elettronica?

Con 20 – 30 euro è possibile acquistare un buon modello di sigaretta elettronica.

 

Quanto tempo dura una sigaretta elettronica prima di usurarsi?

L’atomizzatore ha una durata di 15-20 giorni, la batteria generalmente, se tenuta bene e caricata sempre nel modo giusto ha una durata di 150-200 ricariche, per avere sempre le massime prestazioni si consiglia di sostituirla con cadenza mensile.

 

Come si pulisce l’atomizzatore della sigaretta elettronica?

Soffiate dentro l’atomizzatore dalla parte che attacca con la batteria per agevolare la fuoriuscita di residui di liquido se vi accorgete di qualche malfunzionamento o comunque una volta a settimana, pulite il tutto con carta o un panno asciutto.

 

A volte il mio atomizzatore diventa caldo o si surriscalda, come mai?

Per un corretto funzionamento,le boccate fatte con la sigaretta elettronica devono essere intervallate di qualche secondo una dall’altra.

 

Quanto dura la carica di una batteria per sigaretta elettronica?

Una batteria da 650mah per sigaretta elettronica consente di “svapare” normalmente per un intera giornata, per i più esigenti vendiamo anche batterie per sigaretta elettronica da 900mah e da 1100mah.

 

Come mi accorgo che la batteria della sigaretta elettronica è carica?

Il caricabatteria della sigaretta elettronica è dotato di un led che emette due diverse colorazioni, luce rossa (batteria scarica), luce verde (batteria carica).

 

Dove posso utilizzare la sigaretta elettronica?

La sigaretta elettronica si può fumare dappertutto se non vietato, anche negli ambienti chiusi ed in quelli in cui vige il divieto di fumo, senza arrecare danno agli altri o all’ambiente, in quanto non emette fumo ma vapore inodore.

 

La sigaretta elettronica può essere usata da tutti?

La sigaretta elettronica é un dispositivo destinato a maggiorenni (vietata ai minori). Non usarla in stato di gravidanza e allattamento, in presenza di patologie respiratorie e/o cardiovascolari o allergie e/o intolleranze alle sostanze presenti nei liquidi.

Il prodotto è garantito?

La garanzia del prodotto segue le norme vigenti in materia. Sono escluse dalla garanzia tutte le parti soggette a usura in seguito all’utilizzo. Per maggiori informazioni si rimanda alla pagina “Termini & Condizioni“.

Perchè la sigaretta elettronica non fa fumo?

La sigaretta elettronica non emette vapore quando:

La batteria é scarica (quando la batteria é scarica il led del pulsantino batteria lampeggia alcune volte consecutivamente),

oppure quando il liquido nel serbatoio dell’atomizzatore è esaurito.

 


Scrivi nel box il nome del prodotto che vuoi acquistare (sigarette elettroniche, liquidi, accessori o qualunque altro articolo) e clicca su "trova sconti" per comprarlo al prezzo più basso del web!

Vuoi risparmiare con le sigarette elettroniche?

Clicca subito qui !!!

La sigaretta elettronica aiuta i fumatori più incalliti

Calcola quanto puoi risparmiare con la sigaretta elettronica

Puoi risparmiare migliaia di euro l'anno... Clicca subito qui !!!

 

La sigaretta elettronica può aiutare i fumatori più incalliti

Un fumatore su due può abbandonare l’uso della sigaretta tradizionale con una significativa riduzione del danno respiratorio grazie a un uso guidato della sigaretta elettronica. È la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell’Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con il Centro Antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco ASL TO 2 di Torino che hanno monitorato l’uso dell’e-cig in 34 forti fumatori resistenti ad ogni tipo di intervento di cessazione al fumo.

“Per prendere decisioni sulla sigaretta elettronica studi come questi sono importanti e necessari perché consentono di comprendere i limiti e le opportunità offerte da questo strumento – afferma Walter Ricciardi Commissario straordinario dell’Istituto Superiore di Sanità – Questo studio mostra in particolare l’importanza di usare la sigaretta elettronica come strumento di disassuefazione in ambito sanitario. La sua efficacia, infatti, è legata al suo corretto uso che permette, nei forti fumatori, di assimilare la giusta quantità di nicotina per evitare nel paziente tossicità da eccesso o crisi di astinenza”.

Lo studio ha riguardato 34 fumatori, 18 uomini e 16 donne, di età media di 40 anni, che consumavano circa 20 sigarette al giorno da almeno venti anni, reclutati al centro Antifumo dell’ospedale San Giovanni Bosco di Torino. I partecipanti allo studio venivano visitati esaustivamente e veniva misurato il monossido di carbonio nell’espirato quale marcatore dell’assorbimento dei prodotti di combustione della sigaretta. A tutti è stato proposto l’uso della sigaretta elettronica in sostituzione delle normali sigarette. L’equipe sanitaria forniva ai partecipanti un kit completo con il device elettronico, i caricabatterie per ricaricare il device e una serie di liquidi contenenti nicotina, scelti dal fumatore in base alle sue preferenze sugli aromi. I professionisti della salute insegnavano inoltre ai fumatori il corretto utilizzo del device, insegnavano cioè “come si assorbe nicotina dalla sigaretta elettronica ” senza incorrere in crisi astinenziali o iperdosaggi.

“Già dopo il primo mese di studio, il 74% dei partecipanti utilizzava la sola sigaretta elettronica, un 18% fumava sia la sigaretta elettronica che una –cinque sigarette normali e solo un 8% dei partecipanti continuava a fumare le normali sigarette. – spiega Fabio Beatrice, Direttore Centro Antifumo San Giovanni Bosco di Torino – Chiaramente i fumatori di elettronica e i fumatori misti presentavano un valore di monossido di carbonio nell’espirato significativamente più basso, raggiungendo i livelli cosiddetti normali (0,3-0,5%) presenti nella popolazione non fumatrice”.

“Con questo studio abbiamo dimostrato inoltre che il metabolita plasmatico della nicotina, la cotinina, aveva concentrazioni simili a quelle di partenza nei tre gruppi, indicando che i fumatori di “elettronica” erano capaci di assumere tutta la nicotina necessaria per evitare il fenomeno di “craving” ossia la crisi di astinenza – spiega Roberta Pacifici Direttore dell’Osservatorio Fumo Alcol e Droga dell’ISS – Dopo quattro mesi dall’inizio dello studio, un 50% dei partecipanti allo studio usava esclusivamente la sola sigaretta elettronica, un 24% si dichiarava fumatore misto ed un 26% tornava ad essere fumatore di sole sigarette di tabacco. Tuttavia in questi ultimi due gruppi è presente una riduzione significativa del numero di sigarette quotidiane con una conseguente diminuzione significativa, anche nei fumatori puri, del monossido di carbonio nell’espirato e pertanto una significativa dell’indicatore di danno polmonare”.

Il prossimo passo dello studio, attualmente in preparazione, prevede la riduzione scalare della quantità di nicotina assunta, sotto la guida del personale sanitario, al fine di arrivare ad una riduzione significativa anche del danno a carico del sistema cardiovascolare.

“La sigaretta elettronica inserita in una specifica metodologia clinica, come alternativa ai mezzi tradizionali per smettere di fumare, permette di migliorare il supporto tecnico-sanitario per i fumatori più resistenti – conclude Maurizio Dall’Acqua, Direttore Generale ASL TO 2 – l’importanza di questa sperimentazione premia l’impegno della nostra azienda nella lotta al tabagismo e nella promozione di stili di vita sani, che si attua non solo nella cura ma anche nella ricerca”.

 


Scrivi nel box il nome del prodotto che vuoi acquistare (sigarette elettroniche, liquidi, accessori o qualunque altro articolo) e clicca su "trova sconti" per comprarlo al prezzo più basso del web!

Vuoi risparmiare con le sigarette elettroniche?

Clicca subito qui !!!

Tutti i pro e i contro della sigaretta elettronica

Calcola quanto puoi risparmiare con la sigaretta elettronica

Puoi risparmiare migliaia di euro l'anno... Clicca subito qui !!!

A fine dicembre 2012, il Ministero della Salute ha diffuso una nota, disponibile all’indirizzo http://www.salute.gov.it/dettaglio/dettaglioNews.jsp?id=2368&tipo=new che ha creato non poca allerta e preoccupazione. Il comunicato riporta lo studio redatto dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo il qualefumare la sigaretta elettronica comporterebbe rischi per la salute, soprattutto in soggetti di giovane età. Negli ultimi tempi, inoltre, si sono verificati casi pericolosi di sigarette elettroniche esplose perché non conformi alle norme CE.

Il fumo è una dipendenza che in Italia, secondo recenti statistiche, coinvolge 14 milioni di persone e di queste 5 milioni sono donne. A causare il cosiddetto vizio del fumo è la sostanza contenuta nelle sigarette, la nicotina. In ogni sigaretta è contenuta una percentuale variabile dal 2% all’8% di nicotina. Una volta che la sostanza entra in circolo, nel giro di pochi secondi, il cervello libera dopamina e l’effetto che il fumatore ottiene è di due tipi: eccitante e rilassante. Se sul momento attenzione e concentrazione risultano migliorate, a lungo andare il fumo causa problemi polmonari e cardiovascolari. La sigaretta elettronica, anche chiamata eco-sigaretta, aiuterebbe a eliminare il vizio del fumo. A questo proposito studi e ricerche sono numerosi e presentano risultati contrastanti. Così, ad esempio, una ricerca dell’Università di Catania ha attestato che la sigaretta elettronica permette di liberarsi dalla dipendenza nel 55% dei casi. Invece, un altro studio condotto dall’Università di Atene boccia le eco-cigarettes, affermando che crea un aumento della broncocostrizione.

Le sigarette elettroniche contengono una percentuale inferiore di nicotina rispetto a quelle tradizionali. E’ considerata ecologica perché, tra le altre cose, non produce catrame e fumo passivo come è possibile leggere e approfondire a questo link: http://www.anagen.net/sigaretta_elettronica.htm. Il fumatore usando questo tipo di sigaretta avrebbe anche un vantaggio psicologico. Quest’ultimo sta nel fatto di non smettere di colpo l’atteggiamento consueto di portarsi la sigaretta alla bocca. C’è però il rovescio della medaglia perché il fumatore può trovare difficile separarsi da un aggeggio che lo conforta dalla privazione di una sigaretta vera. Ciascuno prova comunque metodi differenti per cessare la dipendenza dal fumo, il parere di un esperto psicologo può aiutare a trovare quello più adatto.

La pericolosità della sigaretta elettronica è anche legata alla fabbricazione che può non essere a norma. I carabinieri del Nas sequestrano di frequente grandi quantitativi di eco-sigarette che contengono alte percentuali di nicotina liquida. Il Ministero della Salute, riportando il parere dell’Organizzazione mondiale di sanità (Oms), consiglia di tenere la sigaretta elettronica lontana dai bambini che potrebbero ingerire, con effetti letali, le dosi contenute nei flaconi per ricaricarle. Inoltre, è vietata la vendita ai minori di 16 anni. I Nas avvertono i consumatori di fare attenzione all’etichettatura, per la quale il Ministero ha emanato prescrizioni nel 2010, dove sono riportate informazioni sulla ditta che fabbrica il prodotto e indicazioni sul corretto utilizzo e conservazione. Se il fumatore osserva qualcosa di sospetto, lo può quindi segnalare ai Nas o alle stazioni dei carabinieri.

Nell’affollamento di ricerche e opinioni, s’inserisce chi sostiene la tesi che le multinazionali del tabacco spingano per annullare la validità delle eco-sigarette. L’Istituto superiore di sanità afferma che gli studi sull’argomento non possono essere dichiarati conclusi. Le recenti disposizioni dell’Istituto sulla “valutazione di rischio” si basano su 37 studi scientifici mondiali. Il dibattito sull’efficacia della sigaretta elettronica è sempre aperto e vivace.


Scrivi nel box il nome del prodotto che vuoi acquistare (sigarette elettroniche, liquidi, accessori o qualunque altro articolo) e clicca su "trova sconti" per comprarlo al prezzo più basso del web!

Vuoi risparmiare con le sigarette elettroniche?

Clicca subito qui !!!